Dolore alla spalla

Dolore alla spalla

Il dolore alla spalla

La consulenza di uno specialista ortopedico è necessaria nel determinare se i sintomi possano derivare da una causa meccanica oppure non meccanica, come ad esempio l’artrite reumatoide, una patologia autoimmune che può determinare dolore articolare.

Lo step iniziale è individuare attraverso alcuni semplici indagini, quale sia la patologia che causa il dolore e, nel caso, la difficoltà nel movimento per comprendere quale sia il rimedio più opportuno da adottare per risolvere il problema.

Escluso che si tratti di patologie non meccaniche come l’artrite reumatoide, il dolore che può interessare diverse parti della spalla, o interessare le braccia, può essere causato da borsite o tendinite o da una contrattura muscolare o dalla sindrome di impingement, oppure può essere di natura infiammatoria coinvolgendo muscoli, cartilagine e legamenti.

Di seguito, l’elenco delle principali cause

Sindrome da impingement

Si verifica quando vi è una compressione del tendine sovraspinato causato da un restringimento dello spazio tra la testa dell’omero e l’acromion, quindi durante il movimento di sollevamento del braccio oltre una certa angolazione si avverte molto dolore. È una patologia che non va sottovalutata in quanto può portare ad un assottigliamento dei tendini e con il tempo la loro rottura.

Tendinite calcifica

Come indica il termine stesso, è causata dalla calcificazione dei tendini, questa patologia inizialmente non comporta nessun sintomo fastidioso ma con il passare del tempo quando le calcificazioni diventano importanti, causano dolore forte e continuo. Se non propriamente curata, può causare il danneggiamento del tendine stesso. Oggi la fisioterapia, con l’utilizzo di attrezzature specifiche atte ad eliminare le calcificazioni risolve al 90 percento questa patologia con alcune sedute. Utili anche la somministrazione di farmaci specifici che l’ortopedico in fase di visita prescriverà.

Lesione della cuffia dei rotatori

In questo caso il dolore si irradia al braccio interessando il quadricipite compromettendo il corretto funzionamento della spalla e del braccio.

La lesione interessa alcuni tendini, solitamente il sovraspinato e spesso è causata da, un trauma, da usura dovuta a lavoro manuale, da stress eccesivi praticando alcuni sport, oppure, come accade più frequentemente negli anziani, da una scarsa irrorazione di sangue della cuffia stessa.

È una lesione che va trattata tempestivamente perché in caso contrario può aggravarsi, rompendosi del tutto o determinando un’anchilosi e rendendo necessari interventi più radicali. Il primo approccio sarà sempre farmacologico associato a terapia fisica che i fisioterapisti mediante specifiche e innovative attrezzature effettueranno. Quando queste dovessero risultare non risolutive, si ricorrerà ad un intervento chirurgico ortopedico.

Lussazione spalla

La lussazione si verifica quasi sempre a seguito di un trauma, in pochi casi invece è causata da iperlassità articolare, generata da micro-traumi ripetuti nel tempo.

Anche in questi casi, una giusta terapia farmacologica e la fisioterapia risolve nel 90 percento dei casi. Raramente quando legamenti e tendini e muscoli non riescono a tenere al proprio posto la spalla, sarà necessario ricorrere alla chirurgia.

Spalla congelata

La capsulite adesiva o “spalla congelata” è causata dall’ispessimento dei tessuti dell’articolazione e limita i movimenti che è possibile compiere con il braccio, di fatti se si cerca di superarli il dolore si acutizza.

Questa patologia può avere anche cause diverse, tipo patologie autoimmuni come il diabete ecc… In questi casi si parla di capsulite adesiva secondaria.

Anche in questo caso, di fondamentale importanza una corretta interpretazione dello specialista e un piano fisioterapico adeguato.

I rimedi per il dolore alla spalla

Come abbiamo potuto constatare, i rimedi necessari sono riposo, interruzione delle attività sportive e lavorative che hanno causato la patologia, uso di terapie farmacologiche antiinfiammatorie e antidolorifiche, come anche infiltrazioni di cortisone ed acido ialuronico e fondamentale una fisioterapia manuale e strumentale mirata fatta in strutture specializzate che hanno attrezzatura di ultima generazione e ambienti idonei al recupero funzionale dell’articolazione.

Sono nel caso in cui tutto ciò dovesse non essere sufficiente, sarà necessario ricorrere all’intervento chirurgico, oggi giorno le ultime tecnologie permettono di effettuare la maggior parte degli interventi in artroscopia.

Questa tecnica, mediante delle piccole incisioni e l’utilizzo di potenti microscopi permettono una notevole precisione del gesto e accuratezza diagnostica, e il recupero della funzionalità tramite fisioterapia mirata post intervento è molto più rapido e meno doloroso.

Alcune patologie della spalla, quando queste vengono trascurate o a seguito di traumi, rendono necessario l’impianto di protesi metalliche

Esempio di un impianto di protesi di spalla: